Seleziona una pagina

Bilancio familiare: 5 consigli (più uno) per tagliare le spese superflue

18 Agosto 2020

Sogni anche tu di mettere da parte ogni mese un gruzzoletto da destinare a qualcosa di importante? Probabilmente quello di cui hai bisogno è una migliore pianificazione! In questo articolo ti diamo 5 consigli (più uno) per organizzare in modo semplice ed efficiente il tuo bilancio familiare, tagliando le spese inutili senza rinunciare alle cose che ami.

Bilancio familiare: ecco perché è importante

Esattamente come un’azienda, anche la tua famiglia richiede un utilizzo razionale e oculato delle risorse a sua disposizione. Tracciare il flusso dei soldi in entrata e in uscita permette infatti di evitare gli sprechi, programmare meglio ogni spesa, avere sempre a disposizione un fondo per le emergenze, ma anche per le cose che ci fanno stare bene. Elaborare il budget è più facile di quello che pensi, si tratta infatti di analizzare a fondo entrare e uscite, per poi organizzarle in modo ottimale. Ecco come fare!

1) Classifica le spese sostenute

Classificare le spese vuol dire stilare un elenco, più dettagliato possibile, dei flussi di denaro in uscita nel corso dell’anno. Per questo primo passo può essere utile passare in rassegna le spese sostenute nei 12 mesi precedenti, raccogliendo scontrini e pagamenti e cercando di dividerli per macro aree, tipo quelle elencate di seguito:

  • affitto/mutuo;
  • bollette casa;
  • spese auto (carburante, rate, manutenzione);
  • alimenti;
  • spese scolastiche;
  • spese mediche;
  • abbigliamento;
  • ristoranti/alberghi;
  • cultura (libri, mostre, concerti);
  • hobby/svago.

Una volta raccolte e catalogate tutte le uscite dell’anno precedente, potrai sommarle e confrontarle con le entrate. La differenza tra entrate e uscite ti darà un quadro chiaro della gestione passata (sei riuscito a risparmiare?), ma soprattutto rappresenterà una traccia preziosa per pianificare il tuo bilancio familiare futuro.

2) Analizza tutte le uscite

Ora che hai sott’occhio le spese del passato è più facile capire quali possono essere tagliate o ritoccate per contenere le uscite, e quali resteranno fisse anche per l’anno in corso. Inizia a riportare, mese per mese, tutte le spese necessarie e fisse (mutuo/affitto, rate della macchina, …) e appunta a parte quelle che pensi di poter ridurre.

3) Scopri dove puoi risparmiare

Obbligandoti a tenere traccia di ogni uscita, il budget familiare mette in evidenza sprechi che altrimenti non noteresti. Dopo aver classificato e analizzato le spese è il momento di razionalizzare quelle che possono essere tagliate e/o ridotte. Vediamo qualche esempio.

  • Bolletta telefonica: sei sicuro di avere il piano tariffario che fa per te? Consulta tra le offerte degli operatori e scopri se puoi strappare condizioni migliori.
  • Spesa settimanale: pianificare con cura il budget della spesa settimanale consente di evitare acquisti dell’ultimo minuto e di sfruttare al meglio offerte e promozioni.
  • Occhio agli sprechi: installare termostati, spegnere luci ed elettrodomestici, sostituire le lampadine… sono solo alcune piccole accortezze che possono aiutarti a tagliare i consumi e le bollette.

4) Compila il tuo bilancio familiare

Arrivato a questo punto puoi completare la compilazione del tuo bilancio, stabilendo per ogni mese il budget a disposizione e come ripartirlo tra le diverse voci di spesa. Abbi cura di destinare sempre un 5/10% dello stipendio a un fondo per le spese “straordinarie”, così da avere sempre un serbatoio da cui pescare per imprevisti ed emergenze. Non dimenticare che il piano va costantemente aggiornato e ricalibrato, sostituendo le previsioni di spesa con le spese effettiva.

5) Fatti aiutare dalla tecnologia

Dopo aver visto come organizzare concettualmente il bilancio familiare passiamo a un piccolo consiglio pratico: fatti aiutare dalla tecnologia! Che si tratti di un semplice foglio excel o di uno strumento per la gestione del bilancio familiare, le risorse a tua disposizione sono moltissime.

Bonus!

Chiudiamo il nostro approfondimento sulla gestione del budget familiare con un piccolo bonus: il prestito come strumento di pianificazione finanziaria. Grazie all’offerta di strumenti di credito decisamente convenienti, sono sempre di più i lavoratori dipendenti e i pensionati che decidono di chiedere un finanziamento per programmare al meglio le esigenze finanziarie, senza dare fondo ai risparmi.

Il prodotto più richiesto? Senza dubbio i finanziamenti in convenzione INPS, NoiPA e MIUR! Richiedi una consulenza gratuita per saperne di più!

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook