Seleziona una pagina

TAN e TAG: cosa sono e perché è importante conoscerli

26 Febbraio 2021

Sigle come TAN e TAEG possono confondere chi non è esperto di materie finanziarie. Tuttavia chi è alla ricerca di un prestito è essenziale che conosca questi parametri perché indicano il costo del finanziamento e aiutano a fare un confronto tra le tante offerte presenti sul mercato per scegliere consapevolmente quella più adatta alle nostre esigenze. In questo articolo scopriamo cosa sono TAN e TAEG e in cosa differiscono. Continua a leggere per saperne di più!

TAN: cos’è e come viene calcolato

TAN è un acronimo che sta per “Tasso Annuo Nominale” ed è un parametro che indica in percentuale gli interessi da versare ogni anno sulla somma erogata. Non viene saldato in un unico pagamento, ma è suddiviso e addizionato alle rate mensili con cui il prestito viene restituito all’ente creditizio.
È un indicatore importante, conoscendolo possiamo infatti calcolare la cifra da versare a chi ha concesso il prestito, evitando incomprensioni e brutte sorprese. Ma ci sono altri due elementi importanti da considerare:

  • il TAN potrebbe non essere un valore fisso, ma cambiare in base alle variazioni dei mercati,
  • non comprende le spese accessorie che possono essere associate alla concessione di un finanziamento, come costi di apertura pratica o commissioni, che dovranno essere calcolati a parte.
PRESTITO ZERO SPESE
PER DIPENDENTI PUBBLICI, STATALI E PENSIONATI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
16/04/2021 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più

Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l'informativa privacy.

Prestiter Cessione del Quinto

TAEG: cos’è e perché è importante

Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) è un indicatore fondamentale, che tutti gli operatori hanno l’obbligo di indicare in modo chiaro quando offrono mutui e finanziamenti. Esprime in percentuale il costo globale di un prestito, considerando il periodo effettivo in cui viene effettuato. Il suo elemento distintivo è che, a differenza del TAN, tiene conto anche degli oneri accessori, quindi di tutte le spese aggiuntive connesse alla concessione del finanziamento (commissioni, spese di apertura pratica, assicurazioni…).
Il TAEG ha quindi un ruolo informativo di importanza centrale per il consumatore, ed è di fatto più utile del TAN, perché permette di confrontare in modo semplice e immediato i costi globali del prestito, e di scegliere più facilmente l’opzione più vantaggiosa.

Niente più calcoli con l’Offerta Zero Spese Prestiter!

Se il confronto tra TAN e TAEG ti spaventa, e temi di non riuscire a valutare l’incidenza dei costi aggiuntivi, c’è una buona notizia per te. L’Offerta Zero Spese elimina definitivamente tutti i costi aggiuntivi e anticipati: niente spese di istruttoria, niente commissioni di intermediazione!
Cosa vuol dire? Che il TAN finisce per coincidere con il TAEG, con l’unica eccezione dell’imposta di bollo obbligatoria di 18 €, offrendo convenienza e trasparenza.
Riservata a lavoratori dipendenti e pensionati, l’Offerta Zero Spese apre la strada a finanziamenti a tasso fisso con tutti i vantaggi della Cessione del Quinto, assicurando:

  • flessibilità: con prestiti fino a 75.000 euro da restituire con piani da 2 a 10 anni;
  • rate leggere: perché mai superiori al 20% dello stipendio netto;
  • pagamenti automatici: trattenuti all’origine dalla busta paga, o dal cedolino della pensione, per cancellare il rischio di ritardi o insoluti;
  • pratiche telematiche semplificate: per erogazioni rapide;
  • assicurazione sempre inclusa.

Ma non è tutto, perché grazie alla firma digitale puoi sottoscrivere l’Offerta Zero spese in tutta sicurezza, anche restando comodamente a casa! Per il tuo nuovo prestito scegli l’esperienza dei pionieri della Cessione del Quinto e la solidità del Gruppo Intesa Sanpaolo. Richiedi oggi stesso il tuo preventivo su misura a un consulente Prestiter!

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook