Seleziona una pagina

Prestiti ai dipendenti della Sanità: come funzionano

10 Gennaio 2019

Dipendenti della Sanità: uno dei cuori pulsanti del paese! Nel 2010 ammontavano a oltre 700.000 persone, di cui circa 670.000 a tempo indeterminato (in base a un’analisi statistica disponibile nel sito del Ministero della Salute). Lavoratori che, verificate determinate condizioni, possono beneficiare di prestiti a dipendenti della Sanità a condizioni esclusive! Vediamo insieme quali.

Dipendenti della Sanità: chi sono

Come suggerisce il nome, si tratta di una categoria di lavoratori alle dipendenze della “sanità pubblica”: ASL (Aziende Sanitarie Locali), ma anche aziende Ospedaliere e Universitarie, Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici, e in misura minore AReS (Agenzia Regionale Sanitaria) ed ESTAR (ex ESTAV, organi istituiti in alcune regioni a supporto delle aziende sanitarie).

Tutti coloro che rientrano in queste categorie hanno la possibilità di richiedere prestiti a condizioni riservate, per ottenere liquidità, far fronte a spese impreviste o realizzare un nuovo progetto.

Piccoli prestiti e prestiti pluriennali per i dipendenti della Sanità

La prima opzione prevista per i dipendenti pubblici e quindi per i dipendenti della Sanità è offerta dal sistema INPS / ex-INPDAP. Questo individua due forme di prestito rivolte a medici, infermieri, OSS e altre figure: il piccolo prestito e il prestito pluriennale.

  • Piccolo prestito: in questo caso il numero di rate varia da 12 a 48 e l’entità del credito risulta piuttosto bassa (di solito non oltre gli 8.000 euro). Non sono richiesti particolari requisiti; per contro vanno messe sul piatto della bilancia spese di amministrazione, il costo del premio Fondo Rischi e altre voci accessorie.
  • Prestito pluriennale: per questo tipo di prestito la durata varia dai 60 ai 120 mesi. Lo svantaggio principale è dato dai vincoli, ad esempio il fatto di dover dimostrare le spese del credito con apposita documentazione. La pratica risulta di conseguenza molto lunga e complessa, ritardando l’effettiva disponibilità di denaro.

Le alternative vincenti: Cessione del Quinto e Prestito Delega

Il sistema INPS / ex-INPDAP non è certo l’unica strada percorribile per i dipendenti della Sanità. Se il piccolo prestito non è sufficiente o se il prestito pluriennale risulta troppo vincolante, allora è consigliabile orientarsi su altre soluzioni, in primis la Cessione del Quinto per i dipendenti ASL.

I vantaggi della Cessione del Quinto sono molteplici e garantiti dal meccanismo di trattenuta del 20% dello stipendio netto (da cui il termine “Cessione del Quinto”): una rata sostenibile, un tasso fisso in convenzione, una procedura automatizzata per il rilascio della documentazione, e ancora una polizza assicurativa inclusa, una rateizzazione fino a 10 anni e un importo flessibile da 5.000 a 75.000 euro.

Altra opportunità da non sottovalutare è il Prestito Delega, detto anche delegazione di pagamento o doppio quinto, un prestito a integrazione di una Cessione del Quinto in corso che permette di ottenere liquidità aggiuntiva, con una rata mensile complessiva che può raggiungere fino al 40% dello stipendio netto. Per il Prestito Delega, la nostra agenzia può contare su diverse convenzioni attive con molte strutture sanitarie: richiedi ora il preventivo per il tuo Prestito in Convenzione.

Consolidamento Debiti e Rinnovo Cessione del Quinto

Inoltre, nel caso in cui si abbiano altri prestiti in corso, è possibile usufruire del Consolidamento Debiti, procedura che permette di “consolidare” i debiti contratti con diversi interlocutori a favore di un unico prestito e di un’unica rata più sostenibile.

E se si ha già una Cessione del Quinto in corso? Niente paura, è possibile procedere con il Rinnovo della Cessione del Quinto, previa verifica del raggiungimento del 40% del piano di ammortamento.

Prestiter vanta una lunga esperienza in prestiti con Cessione del Quinto, Prestiti Delega e Consolidamento Debiti. Siamo presenti da oltre 20 anni nel mercato finanziario italiano, con un portfolio di più di 50.000 clienti soddisfatti.

Se sei un dipendente pubblico o un dipendente della Sanità, puoi affidarti agli esperti del nostro team e richiedere un preventivo gratuito e senza impegno. Siamo in tutta Italia:  contattaci subito, la consulenza è gratuita!

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook