Ottenere liquidità: e se la banca dice no?

07 Maggio 2018

ottenere liquidita se la banca dice no

Cosa succede quando la ricerca di un prestito diventa particolarmente difficile a causa di un “no” da parte della banca di fiducia? Far fronte a una risposta negativa quando si è alla ricerca di nuova liquidità potrebbe risultare uno scoglio difficile da superare. Ma quali sono i motivi di diniego e come è possibile porvi rimedio? Ecco cosa bisogna sapere prima di richiedere un prestito.

Mutui e prestiti

La valutazione di fattibilità di una richiesta di finanziamento prevede numerose variabili e anche dei limiti di accessibilità legati alle specifiche tecniche del prodotto prescelto.

La prima grande differenza la troviamo tra prestiti e mutui, due forme di finanziamento molto differenti per requisiti di accesso e tempistiche.

{loadposition in-post}

Il mutuo permette di ottenere importi elevati ma è legato a doppio filo al bene sul quale verrà fatta l’ipoteca.

Nella categoria dei prestiti, invece, esistono delle differenze sostanziali che potrebbero fare la differenza tra l’ottenimento o meno del finanziamento. Prima fra tutte la differenza tra prestiti finalizzati o non finalizzati: per i primi sarà necessario fornire una documentazione attestante l’acquisto, per i secondi no (e si potrà usare il denaro liberamente).

Nello scegliere un finanziamento è necessario prendere in considerazione anche altri aspetti, quali:

  • Presenza di altri prestiti: un carico finanziario eccessivo potrebbe rivelarsi fatale durante la richiesta di prestito, a meno che non si opti per il consolidamento debiti, una soluzione che permette di raggruppare tutti i finanziamenti in corso (estinguendoli), ottenere nuova liquidità e abbassare complessivamente la rata.
  • Precedenti segnalazioni per ritardi di pagamento: in questi casi potrebbe essere problematico riuscire ad ottenere il finanziamento ma, fortunatamente, esiste una soluzione chiamata Cessione del Quinto, una forma di prestito che prevede la restituzione tramite trattenuta diretta sulle pensione o sullo stipendio, che può essere concessa anche ai cattivi pagatori.
  • Presenza di un garante: quando ci sono problemi di sovraesposizione finanziaria o ritardi di pagamento normalmente la banca richiede, per la concessione del prestito, la firma di una terza persona a garanzia della restituzione del prestito. Ma non è sempre così! La Cessione del Quinto è a firma unica, non richiede la presenza di garanti e pertanto potrebbe essere un’ottima soluzione nel caso in cui non si avesse a disposizione una persona che firmi a garanzia del prestito.

{loadposition in-post-2}

Cessione del Quinto

La Cessione del Quinto è una forma di prestito dalle caratteristiche uniche, che unisce la comodità di restituzione (trattenute dirette in busta paga/pensione) alla flessibilità (non è richiesto un garante e può essere richiesta anche in presenza di altri prestiti), risultando un’ottima soluzione anche nei casi più difficili.

Scegliendo la Cessione del Quinto, infatti, lavoratori dipendenti e pensionati possono richiedere un finanziamento da 5.000€ a 75.000€ anche quando la banca ha rifiutato il mutuo, quando non si ha un bene da ipotecare, quando ci sono altri prestiti in corso oppure in caso di precedenti ritardi di pagamento.

Anche per la Cessione del Quinto è necessario rispettare alcuni criteri, a tutela sia del richiedente che dell’istituto erogante. Tra questi ricordiamo:

  • Contratto di lavoro a tempo indeterminato o pensione
  • Percepire uno stipendio o una pensione superiore ai 600€
  • Essere in buono stato di salute
  • Avere massimo 80 anni alla richiesta del finanziamento

Prestiti & Finanziamenti – rete di agenti Prestitalia, Gruppo UBI Banca – è specializzata da oltre 20 anni in prestiti con Cessione del Quinto e Prestito Delega. Rivolgiti agli esperti di settore, richiedi ora un preventivo gratuito per la tua Cessione del Quinto!

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook