Seleziona una pagina

Prestiti in Convenzione con la pensione di reversibilità? Si può fare!

04 Ottobre 2021

E’ possibile richiedere Prestiti in Convenzione INPS con una pensione in reversibilità? La risposta è sì! Trattandosi di una forma di reddito fisso e continuativo, la pensione in reversibilità destinata ai superstiti di un pensionato deceduto è sempre finanziabile richiedendo un prestito con Cessione del Quinto. Ci sono però delle eccezioni alle quali prestare attenzione, vediamole insieme.

Pensione di reversibilità, cos’è e a chi spetta

La pensione di reversibilità è un assegno pensionistico che spetta ai familiari di una persona deceduta, la quale:

  • era titolare di una pensione di vecchiaia o anzianità al momento del decesso;
  • non percepiva ancora la pensione ma aveva comunque maturato i requisiti necessari per il diritto alla pensione.
PRESTITI INPS
PER PENSIONATI E DIPENDENTI PUBBLICI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
15/10/2021 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più

Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l'informativa privacy.

Prestiter Cessione del Quinto

Sul sito dell’INPS viene spiegato in dettaglio a chi spetta la pensione di reversibilità:

  • al coniuge anche se separato o divorziato, se titolare di un assegno di mantenimento;
  • ai figli, se al momento del decesso del genitore non hanno ancora raggiunto la maggiore età, se si tratta di studenti o universitari con età tra i 18 e i 26 anni, ancora a carico alla data del decesso del parente, e infine se risultano essere inabili, con certificati medici che attestano problemi fisici o mentali che impediscono di svolgere qualsivoglia attività lavorativa;
  • ai nipoti minori, anche se non formalmente affidati, qualora siano a carico degli ascendenti, ovvero nonno o nonna, alla data della rispettiva morte;
  • in assenza di altri parenti, può spettare a fratelli celibi e inabili e a sorelle nubili e inabili, che risultano a carico della persona defunta, ovviamente se non già titolari di una pensione.

Quando non è possibile richiedere il Prestito in Convenzione

Quindi, anche la persona che percepisce una pensione di reversibilità può avere accesso ai Prestiti in Convenzione INPS dedicati ai pensionati. Tali finanziamenti prevedono procedure semplificate con condizioni di favore rispetto a quelle di mercato, grazie ai tassi di interesse concordati direttamente con l’INPS.

Esistono però dei casi in cui la persona che percepisce una pensione in reversibilità non può richiedere un finanziamento, nello specifico:

  • quando la pensione è cointestata, come può essere ad esempio il caso di un assegno previdenziale assegnato a più figli;
  • se l’ammontare del capitale dopo il calcolo della rata mensile del prestito risulta inferiore al minimo fissato dallo Stato per la sopravvivenza (515.07€ per il 2021).

Cessione del Quinto in convenzione INPS

Quando si parla di Prestiti in Convenzione INPS per pensionati, si fa riferimento ai prestiti con Cessione del Quinto.

Si tratta di una forma di finanziamento personale che consente di ottenere fino a 75.000 euro, da restituire in pratiche rate mensili con caratteristiche uniche e vantaggiose. Tra queste ricordiamo:

  • la flessibilità, perché permette di richiedere da 5.000 a 75.000 euro, rateizzabili fino a 120 mesi;
  • la praticità, la rata mensile è detratta automaticamente dalla pensione, eliminando all’origine il rischio saltare i pagamenti e accumulare grattacapi;
  • la sostenibilità, per tutelare il tenore di vita e garantire la sostenibilità del prestito. L’importo massimo della rata mensile non supera mai il 20% della pensione netta;
  • l’autonomia e libertà, perché la Cessione del Quinto è un prestito non finalizzato, che non obbliga quindi a fornire documentazione attestante l’utilizzo della somma richiesta. Inoltre è un prestito a firma unica, per il quale non c’è quindi bisogno di ricorrere a garanti o ipoteche;
  • i tassi agevolati e copertura assicurativa: oltre a offrire condizioni di favore, la Cessione del Quinto comprende sempre una polizza sul rischio vita, a tutela del richiedente e della sua famiglia;
  • i limiti di età più alti: a differenza di altri prestiti, concessi in genere fino a 70-75 anni, la restituzione della Cessione del Quinto può avvenire anche entro gli 85 anni, un punto estremamente vantaggioso per i pensionati in cerca di liquidità aggiuntiva.

Prestiter, storico agente Prestitalia, ha sottoscritto la Convenzione con l’INPS per assicurare a tutti i pensionati finanziamenti a tassi agevolati, rapidi, trasparenti e completi di ogni garanzia. Scegli l’esperienza ventennale dei nostri professionisti, richiedi ora una consulenza senza impegno!

Condividi sui Social