1. Home
  2. Blog
  3. Pensioni
  4. Pensioni: salta Quota 104 e si torna a Quota 103

Pensioni: salta Quota 104 e si torna a Quota 103

La proposta di Quota 104 per il pensionamento anticipato è stata definitivamente messa da parte, lasciando spazio alla Quota 103. Ma cosa comporta questa svolta per chi si avvicina al traguardo della pensione? Scopri di più nell’articolo.

Il panorama pensionistico italiano si prepara a nuovi aggiustamenti che potrebbero interessare da vicino molti lavoratori e futuri pensionati.

Lasciando da parte Quota 104, il governo introduce alcune novità per la Quota 103, una soluzione che prevede l’uscita anticipata con 62 anni d’età e 41 anni di contributi, anche per l’anno 2024. Ne parliamo in maniera dettagliata in questo video sul canale YouTube Prestiter!

Quota 103: cosa cambia

Si delinea un cambio di rotta per quanto riguarda il calcolo dell’assegno pensionistico:

  • che sarà stabilito con il metodo contributivo
  • e vedrà l’introduzione di un tetto massimo mensile, approssimativamente intorno ai 2.250 euro.

Questa importante novità significa che l’importo della pensione rifletterà direttamente i contributi versati nel corso della vita lavorativa, con un occhio di riguardo verso un maggiore equilibrio distributivo.

Le procedure di uscita dal lavoro differiranno, poi, tra il settore privato e quello pubblico:

  • per i primi si prevede una finestra di attesa di 7 mesi
  • per i secondi di 9 mesi.

Una differenza significativa che richiede attenzione nella pianificazione del proprio ritiro dal mondo del lavoro.

PRESTITI INPS
PER PENSIONATI E DIPENDENTI PUBBLICI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
18/05/2024 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più
Hai un codice promozione?
Hai un codice promozione?
Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l’informativa privacy
Prestiter Cessione del Quinto

Il sistema di indicizzazione delle pensioni, inoltre, vede un’ulteriore revisione per gli assegni che si collocano tra 4 e 5 volte il minimo (da 2.250 a 2.800 euro) che subiranno un adeguamento all’85% anziché al 90% precedentemente previsto. Questo aggiustamento è un chiaro segnale di cautela nel mantenere sostenibili i conti pubblici.

Le misure previste con la nuova Quota 103 rappresentano un punto di bilanciamento tra:

  • la necessità di garantire sostenibilità al sistema pensionistico
  • e il desiderio di fornire ai lavoratori percorsi flessibili verso il pensionamento.

In sintesi

  • Le novità introdotte per la Quota 103 riflettono un attento sforzo di riforma del sistema pensionistico, puntando a un più stretto legame tra contributi versati e pensione percepita, e introducendo nuove regole per il pensionamento anticipato.
  • Con un tetto massimo all’assegno e differenze tra lavoratori privati e pubblici nelle tempistiche di uscita, si invita a una pianificazione attenta e informata.

Per rimanere sempre aggiornato e scoprire come le novità in materia di pensione potrebbero influenzare il tuo futuro, continua a seguire il blog e iscriviti al canale YouTube Prestiter!

Condividi sui Social
Prestiter Migliore Sempre

Ristrutturare casa, l’auto nuova, sistemare le finanze familiari, un matrimonio…
Prestiter è il tuo alleato nei momenti che più contano, con 20 anni di esperienza e la nostra capillare rete di consulenti esperti.

Crediamo fortemente nelle persone. E siamo specializzati nel rendere la tua vita sempre migliore!