Seleziona una pagina
  1. Home
  2. Blog
  3. Pensioni
  4. Pensioni 2022, cosa cambierà dal prossimo anno

Pensioni 2022, cosa cambierà dal prossimo anno

20 Dicembre 2021

Quando sarà possibile andare in pensione dopo Quota 100? È l’interrogativo che in molti si stanno ponendo alla fine di questo 2021 che vedrà l’uscita di scena definitiva della possibilità di congedarsi dal lavoro con 62 anni di età e 38 di contributi. Scopriamo insieme cosa cambierà dal prossimo anno.

Con il PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza) alle porte, sarà decisiva nel 2022 la riforma del sistema pensionistico per evitare il collasso del sistema previdenziale e garantire il giusto turn over nel mercato del lavoro.

Le novità sostanziali inserite nella Legge di bilancio in materia di pensionamento prevedono:

  • la cancellazione di Quota 100 al 31 dicembre 2021;
  • l’introduzione per il 2022 del pensionamento con Quota 102;
  • il graduale ritorno alla riforma Fornero (ossia tutti in pensione a 67 anni di età).

In parole povere, solo per il prossimo anno:

  • non si andrà più in pensione anticipata con 62 anni di età e 38 di contributi (Quota 100);
  • bensì con 64 anni di età e 38 anni di contributi (Quota 102).

Successivamente verrà imboccata la strada verso il ritorno alla legge Fornero e quindi al sistema contributivo.

PRESTITO ZERO SPESE
PER DIPENDENTI PUBBLICI, STATALI E PENSIONATI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
30/11/2022 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più

Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l'informativa privacy.

Prestiter Cessione del Quinto

Ape sociale

Sarà prorogata, invece, fino al 31 dicembre 2022 l’Ape sociale che sarà allargata a nuove categorie di lavori gravosi.

Rientreranno, infatti, anche:

  • magazzinieri;
  • estetisti;
  • portantini;
  • personale addetto alla consegna delle merci;
  • lavoratori delle pulizie;
  • conduttori di veicoli, di macchinari mobili e di sollevamento;
  • maestri alla scuola materna e alla scuola primaria.

Opzione donna

Il testo della legge di Bilancio, infine, ha dato il via libera alla proroga di Opzione donna per almeno un altro anno.

Tra i requisiti che consentiranno alle lavoratrici italiane di accedere alla pensione anticipata cambieranno i parametri anagrafici:

  • 60 anni d’età per le dipendenti;
  • 61 per le autonome (non più 58 e 59) e 35 di versamenti.

L’assegno previdenziale sarà quello calcolato con il sistema interamente contributivo.

Se hai trovato interessante questo articolo continua a seguirci per rimanere sempre aggiornato in materia di pensioni e mondo del lavoro!

Condividi sui Social
Prestiter Migliore Sempre

Ristrutturare casa, l’auto nuova, sistemare le finanze familiari, un matrimonio…
Prestiter è il tuo alleato nei momenti che più contano, con 20 anni di esperienza e la nostra capillare rete di consulenti esperti.

Crediamo fortemente nelle persone. E siamo specializzati nel rendere la tua vita sempre migliore!