Seleziona una pagina

Decreto Legge COVID-19, nuove misure a sostegno delle famiglie

03 Maggio 2021

Le nuove disposizioni del decreto-legge 30/2021 per fronteggiare la diffusione del COVID-19 prevedono, oltre alle misure di contenimento della pandemia, misure di sostegno alle famiglie. Vediamo insieme nel dettaglio quali saranno le novità e i vantaggi.

Genitori lavoratori e smart working

Il nuovo decreto introduce, come anticipato, una serie di misure a sostegno dei genitori lavoratori che resteranno in vigore fino al 30 giugno 2021 e riguarderanno in particolare:

  • lo smart working o lavoro agile;
  • i congedi COVID-19;
  • il bonus babysitter.
PRESTITI ONLINE
PER PENSIONATI E DIPENDENTI PUBBLICI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
20/09/2021 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più

Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l'informativa privacy.

Prestiter Cessione del Quinto

Per quanto riguarda lo smart working, i genitori lavoratori dipendenti con figli minori di 16 anni potranno prestare servizio in modalità agile:

  • per tutto il periodo (o in parte) della sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio, compatibilmente con la professione svolta e in alternanza con l’altro genitore;
  • fino alla durata dell’infezione da COVID-19 del figlio e della quarantena disposta dalla ASL competente.

In entrambi i casi la retribuzione dello stipendio sarà del 100%.

Quando ricorrere al nuovo congedo

Nel caso in cui la professione che si svolge non prevede lo smart working, il decreto stabilisce un nuovo congedo parentale da utilizzare:

  • per tutto il periodo (o in parte) della sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio;
  • fino alla durata dell’infezione da COVID-19 e della quarantena del figlio disposta dalla ASL competente;
  • in caso di chiusura dei centri diurni assistenziali per figli con disabilità accertate.

Il nuovo congedo è indennizzato al 50% della retribuzione e spetta ai genitori lavoratori dipendenti pubblici e privati, alternativamente tra loro (non negli stessi giorni), per figli conviventi minori di 14 anni.

Bonus baby sitter, chi può richiederlo

Infine, i genitori lavoratori con figli a carico minori di 14 anni potranno richiedere il bonus baby sitter se:

  • iscritti alla gestione separata INPS;
  • lavoratori autonomi;
  • appartenenti ad altre categorie professionali, tra cui il personale impiegato per le esigenze connesse all’emergenza COVID-19 e i lavoratori dipendenti del settore sanitario.

Per loro è previsto un bonus massimo di 100 euro a settimana da utilizzare per l’acquisto di servizi di baby-sitting o per prestazioni effettuate durante la sospensione dell’attività scolastica in presenza o per il periodo di infezione da COVID-19 del bambino. Ricordiamo però che chi usufruisce del congedo o di altre misure di tutela non potrà beneficiare del bonus baby-sitter.

Se hai trovato interessante questo articolo continua a seguire i nostri aggiornamenti su lavoro e sostegno alla famiglia!

Condividi sui Social