Seleziona una pagina

Cashback di Stato: ecco come funziona

09 Marzo 2021

Lanciato a dicembre 2020 il Cashback di Stato continua anche nel 2021! Da poco è terminato il rimborso della prima tranche relativa al Cashback di Natale che ha rimborsato 223 milioni di euro a chi (dall’8 dicembre al 31) è riuscito a fare almeno 10 pagamenti elettronici, ora è la volta del Cashback standard. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere: come funziona, a chi spetta, quali pagamenti sono ammessi e come fare a partecipare.

Cashback di Stato: cos’è?

Il Cashback di Stato è un’iniziativa promossa dal Governo per rivitalizzare i consumi e spingere i pagamenti con sistemi alternativi al contante, obiettivo che rientra nel programma “Italia Cashless” (senza pagamenti in contante) per combattere l’evasione fiscale.

Il Cashback di Stato consente infatti ai cittadini di ottenere un rimborso pari al 10% di quanto speso per beni e servizi acquistati presso negozi, ristoranti, alberghi e altre attività commerciali utilizzando sistemi di pagamento elettronici. Dal 1 gennaio 2021 è stato lanciato il Cashback standard, che durerà per 3 semestri, quindi fino al 30 giugno 2022.

Cashback di Stato: come funziona

Il Cashback di Stato offre un rimborso semestrale del 10% su tutto quello che viene pagato con metodi alternativi ai contanti. Il programma si articola in tre periodi successivi, ciascuno della durata di sei mesi:

  • 1° Semestre dal 1/1/2021 al 30/6/2021
  • 2° Semestre dal 1/7/2021 al 31/12/2021
  • 3° Semestre dal 1/1/2022 al 30/6/2022

Per ciascun semestre è possibile ottenere un rimborso massimo di 150 € (quindi massimo 300 € l’anno). Non c’è un importo minimo di spesa ma, per poter partecipare, è necessario effettuare almeno 50  transazioni a semestre.

Concorrono all’accumulo del Cashback tutte le spese sostenute in Italia a titolo privato (dunque per uso non professionale) in negozi, bar, ristoranti, supermercati o per i servizi offerti da artigiani e professionisti, ma sono esclusi gli acquisti online.

Il rimborso ottenuto attraverso il Cashback di Stato è esentasse e viene versato entro 60 giorni dalla fine del semestre, i versamenti relativi al primo periodo avverranno, di conseguenza, entro il 29 agosto 2021.

Cashback di Stato: chi può richiederlo e come partecipare

Possono partecipare al Cashback di Stato tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia. Per farlo basta scaricare sul tuo cellulare o tablet l’app IO, già utilizzata per erogare il bonus vacanze, e accedere con la tua identità digitale SPID o con la tua Carta d’Identità Elettronica (CIE 3.0) abbinata al PIN ricevuto al momento del rilascio della nuova carta.

In alternativa puoi partecipare al Cashback usando sistemi offerti da banche e istituti creditizi convenzionati con PagoPA. Ti puoi iscrivere al Cashback in qualsiasi momento e per tutta la durata del programma.

L’App ti chiederà di indicare l’IBAN del conto su cui vuoi ricevere il bonifico del rimborso, e di inserire i metodi di pagamento elettronico utilizzati per saldare gli acquisti ammessi al programma.

Dalla sezione “Portafoglio” dell’App puoi visualizzare lo storico delle attività, il dettaglio delle transazioni che partecipano al Cashback e il Cashback accumulato. In questo modo potrai sapere in tempo reale se hai raggiunto il numero minimo di transazioni e a quanto ammonterà l’eventuale rimborso che ti spetta.

Cashback di Stato: i metodi di pagamento ammessi

La lista dei sistemi di pagamento accettati dal Cashback è in continua evoluzione. Al momento sono ammesse tutte le carte di pagamento dei principali circuiti internazionali (Mastercard, Visa, Maestro, American Express, etc), le carte Pagobancomat e Satispay e Bancomat Pay.

Cos’è il Super Cashback?

Oltre al normale Cashback, dal 1 gennaio 2021 è stato lanciato anche il Super Cashback. Si tratta di un rimborso aggiuntivo di 1500 € erogato ai 100mila iscritti che, nel singolo semestre di riferimento, effettuano il maggior numero di transazioni senza contante, utilizzando i metodi di pagamento ammessi dal programma. Anche in questo caso, non c’è un importo minimo di spesa.

Vuoi essere sempre aggiornato su economia, lavoro e pensioni? Continua a seguirci, stiamo preparando tanti nuovi articoli e approfondimenti!

Condividi sui Social