1. Home
  2. Blog
  3. Curiosità
  4. Condizionatori, arriva la stretta dell’UE: ecco cosa cambierà

Condizionatori, arriva la stretta dell’UE: ecco cosa cambierà

Le politiche ecologiche dell’Unione Europea puntano verso un futuro a zero emissioni, attraverso il Green Deal. Eppure alcune regolamentazioni potrebbero creare un ostacolo non da poco al funzionamento e alla manutenzione degli attuali climatizzatori e pompe di calore, con un danno notevole per i consumatori. Ecco cosa c’è da sapere.

PRESTITO ZERO SPESE
PER DIPENDENTI PUBBLICI, STATALI E PENSIONATI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
15/06/2024 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più
Hai un codice promozione?
Hai un codice promozione?
Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l’informativa privacy
Prestiter Cessione del Quinto

l gas fluorurati (F-gas) sono fondamentali per il funzionamento di condizionatori e pompe di calore, tecnologie oggigiorno molto utilizzate per riscaldare e refrigerare gli edifici.

Tuttavia, la strategia europea a lungo termine, nota come Green Deal, ha intenzione di:

  • ridurre la diffusione di questi gas a partire dal 2024
  • e imporre l’utilizzo di refrigeranti naturali, come il propano, a partire dal 2028.

Attualmente, però, sono pochi i condizionatori e le pompe di calore sul mercato europeo che possono funzionare con il propano, un combustibile che impone nuovi standard di sicurezza e manutenzione proprio a causa della sua alta capacità infiammabile.

Inoltre, l’introduzione di questo gas nei sistemi di climatizzazione potrebbe rendere più complesso garantire la sicurezza negli ambienti pubblici come ospedali, hotel e cinema, dove l’uso di questo specifico gas è attualmente vietato.

Le criticità delle regolamentazioni UE

Ecco perché le nuove regolamentazioni europee potrebbero avere due conseguenze negative:

  • l’aumento dei costi di manutenzione degli attuali apparecchi di climatizzazione;
  • e la difficoltà nella realizzazione in tempi brevi di nuovi apparecchi di climatizzazione, che dovrebbero avere modalità di funzionamento completamente diverse da quelle attuali.

Le associazioni Assoclima e Assotermica hanno sollevato serie preoccupazioni in merito alle possibili conseguenze per i cittadini e la filiera della climatizzazione della revisione europea del regolamento F-Gas. Nello specifico,  le associazioni hanno fatto luce su alcune incongruenze del Regolamento F-gas che renderebbe in alcuni casi impossibile e in generale più difficoltosa e costosa l’installazione di un impianto di climatizzazione

In questo modo la climatizzazione, secondo queste associazioni, rischierebbe di diventare da un giorno all’altro un privilegio per pochi.

Hai trovato interessante questo articolo? Continua a seguirci sul blog e sul nostro canale YouTube per non perdere gli aggiornamenti!

Condividi sui Social
Prestiter Migliore Sempre

Ristrutturare casa, l’auto nuova, sistemare le finanze familiari, un matrimonio…
Prestiter è il tuo alleato nei momenti che più contano, con 20 anni di esperienza e la nostra capillare rete di consulenti esperti.

Crediamo fortemente nelle persone. E siamo specializzati nel rendere la tua vita sempre migliore!