Gran caldo e condizionatori accesi: 8 consigli per risparmiare sulla bolletta

02 Maggio 2016

Prepariamoci a combattere contro il gran caldo, anche questa estate. I meteorologi hanno annunciato il ritorno di Hannibal e Caronte, le perturbazioni che hanno surriscaldato le due ultime stagioni estive.

È lecito immaginare scene come questa: è mezzogiorno, sbottonarsi la camicia e arrotolare le maniche non allevia gli effetti nefasti dei 40° all’ombra. L’afa appiattisce la concentrazione, siamo nervosi e insofferenti. Casa e ufficio assomigliano ad una soffocante giungla.

Ci affidiamo ai condizionatori per rinfrescare le giornate più calde, ma il sollievo ha un costo non trascurabile, soprattutto in termini di consumo energetico. Le famiglie devono scegliere: pagare bollette salate per sopravvivere alla calura estiva o stringere i denti e resistere sino a settembre?

Senza giungere a conclusioni estreme – annegare in un mare di sudore o dissanguare il proprio conto in banca – è possibile rivedere le proprie abitudini quotidiane per abbattere i consumi inutili, alleggerire i costi in bolletta ed affrontare con serenità il sovrapprezzo causato dall’uso del condizionatore.

Bastano piccoli e semplici accorgimenti:

1. Imposta il condizionatore ad una temperatura di 3-4 C° inferiore rispetto a quella esterna.
D’estate, dunque, posiziona il termometro a non più di 25-26 C°: non è necessario ricreare una piccola Siberia in casa per stare meglio.

2. Avvia la funzione “deumidificazione” quando l’ambiente sarà refrigerato.
Ciò consente di stabilizzare la temperatura dell’ambiente senza raffreddare troppo l’aria. Meno consumi, più benessere.

3. Scegli condizionatori con la tecnologia inverter, perché regolano la potenza in funzione della temperatura interna, con un risparmio nei consumi medio del 30%.

4. Opta per condizionatori classe A di ultima generazione.
Il costo d’acquisto più alto rispetto a macchine di fascia inferiore viene ammortizzato in breve tempo dal minore impatto sui consumi.

5. Installa il condizionatore nella parte alta della parete, in una posizione non soleggiata.
Si stima che un condizionatore esposto alla luce diretta del sole consumi mediamente il 5% in più rispetto ad uno collocato in una zona d’ombra.

6. Chiudi porte e finestre mentre il condizionatore è in funzione.
È uno degli errori più comuni. Spalancare porte e finestre mentre il condizionatore è in azione disperde l’aria e trasforma l’azione refrigeratrice in un semplice, quanto inutile, spreco di energia.

7. Controlla i filtri dell’impianto almeno una volta l’anno.
Se intasati da polvere e sporcizia, i filtri sovraccaricano il lavoro del condizionatore aumentando il consumo di energia.

8. Affidati alla giusta compagnia luce e gas.
Le compagnie luce e gas giocano un ruolo fondamentale nell’educare le persone al consumo consapevole. Un aiuto al portafoglio che si ripercuote positivamente anche sulla salute del nostro pianeta.

 

Articolo realizzato in collaborazione con Italiangas:

“Vieni a trovarci nei nostri uffici. Insieme studieremo le tue necessità e individueremo la soluzione più adatta alle tue esigenze di consumo. Perché dietro tariffe e numeri freddi, c’è il calore delle persone.”

Richiedi la tua consulenza Italiangas

 

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook