Seleziona una pagina

Perché con la Cessione del Quinto non salti mai una rata: 3 ragioni

19 Giugno 2018

La Cessione del Quinto è tra le formule di prestito che i lavoratori dipendenti e i pensionati preferiscono. Il motivo principale? La restituzione del finanziamento avviene del tutto senza pensieri. Come? Scopriamolo insieme in questi 3 punti!

1. Il pagamento è automatico

Le scadenze, specie nei pagamenti, sono un cruccio per tutti. Lo sono infatti per chi lavora, dovendosi destreggiare tra gli impegni di carriera e vita privata, così come per chi è in pensione, ha faticato per decenni e vorrebbe godersi serenamente il meritato riposo.

Grazie alla Cessione del Quinto è possibile liberarsi da questa incombenza! Scegliendo questa tipologia di finanziamento, il rimborso del prestito verrà effettuato direttamente dal datore di lavoro o, nel caso il richiedente sia un pensionato, dall’istituto previdenziale di competenza.

Infatti, la rata della Cessione del Quinto verrà trattenuta direttamente dal netto mensile della busta paga o della pensione. Nessun bollettino da pagare, niente attese interminabili in coda presso gli sportelli postali, niente rischiose dimenticanze. Comodo, no?

{loadposition in-post-cqs}

2. Gli importi sono sostenibili e costanti

La chiave sta nel nome stesso di questo prestito a dipendenti e pensionati: “Cessione del Quinto” significa che la rata del rimborso rimarrà entro la quinta parte dello stipendio netto mensile o della pensione netta del richiedente.

Esistono delle eccezioni a questa regola. In casi come la doppia Cessione del Quinto, o Prestito Delega, i lavoratori dipendenti possono richiedere l’erogazione di una somma maggiore, destinando un ulteriore 20% del proprio stipendio alla sua copertura. Ad ogni modo, con la Cessione del Quinto la rata non potrà mai superare il limite posto da questa percentuale.

In altre parole, la mensilità dovuta sarà sempre commisurata alle entrate, a garanzia della sostenibilità del prestito.

Oltre ad essere assolutamente proporzionali al tuo reddito, le rate nella Cessione del Quinto non subiranno alcuna variazione per tutta la durata del piano di ammortamento. Con il tasso di interesse fisso e senza alcun costo accessorio, le condizioni del finanziamento saranno chiare fin dall’inizio. Nessuna sorpresa ammessa!

{loadposition in-post-2}

3. Il prestito è protetto

Spesso, chi sta valutando di richiedere un prestito è preoccupato dalla possibilità che un evento improvviso lo possa poi ostacolare nel pagamento del rimborso. È un pensiero legittimo: la perdita dell’impiego o una inabilità (temporanea o permanente) sono eventualità da considerare responsabilmente.

Con la Cessione del Quinto la polizza assicurativa sulla vita e rischio credito è sempre inclusa. Si tratta di un’importante tutela sia per il richiedente che per i suoi familiari. In caso se ne dovesse presentare l’esigenza, infatti, la compagnia assicurativa salderà il debito residuo, evitando così un’eventuale rivalsa della società finanziaria sugli eredi.

{loadposition in-post-cqs}

Cessione del Quinto: zero insoluto

La puntualità nei pagamenti è essenziale per evitare conseguenze spiacevoli. Come abbiamo appena visto, le caratteristiche del prestito tramite Cessione del Quinto rendono sostanzialmente impossibili ritardi o insolvenze.

Prestiti & Finanziamenti è specializzata da oltre 20 anni in prestiti con Cessione del Quinto e nessuno dei nostri clienti ha mai saltato una rata. Vorresti diventare uno di loro? Richiedi ora un preventivo gratuito!

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook