1. Home
  2. Blog
  3. Pensioni
  4. Pensioni, cosa aspettarsi dalla prossima riforma?

Pensioni, cosa aspettarsi dalla prossima riforma?

La pensione del futuro potrebbe essere legata non solo ai contributi ma anche a tipo di attività professionale svolta. È quanto emerge dai primi due incontri avvenuti tra governo e sindacati e che getta le basi per la nuova riforma delle pensioni. Ecco i dettagli!

Il governo promette una riforma delle pensioni già da quest’estate ma al momento sul tavolo ci sono soltanto ipotesi. Intanto, i lavoratori restano in attesa non potendo, in questo momento, pianificare con certezza eventuali uscite.

I temi principali della prossima riforma delle pensioni

Ad oggi, i nodi principali da sciogliere sul tema pensioni riguardano tre punti:

  • l’uscita differenziata che, in base alla gravosità del lavoro, dovrebbe poter garantire un pensionamento entro un tempo ragionevole a chi fa un lavoro maggiormente usurante;
  • le tipologie di carriere svolte, perché da quelle precarie e discontinue risulta difficile, in effetti, ricavare 40 e passa di anni di contributi;
  • le retribuzioni, perché esistono differenze sostanziali tra contribuzioni eque e continuative e contribuzioni misere che a stento raggiungono i 20 anni di contribuzione.
PRESTITI ONLINE
PER PENSIONATI E DIPENDENTI PUBBLICI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
18/05/2024 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più
Hai un codice promozione?
Hai un codice promozione?
Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l’informativa privacy
Prestiter Cessione del Quinto

Ecco allora che tra le proposte in fase di discussione ci sono la possibilità di usufruire di:

  • un Bonus Figli, per le lavoratrici madri. Si tratta della proposta di garantire alle lavoratrici madri un anno di anticipo pensionistico per ogni figlio;
  • l’integrazione al minimo per i giovani, ovvero la possibilità di vedere assicurato, a prescindere dai contributi versati, un trattamento pensionistico non inferiore a una certa soglia, che ad oggi è stata portata a circa 600 euro mensili;
  • il riscatto della laurea agevolato, cioè la possibilità di prevedere il riscatto di anni effettivi di studio dopo la maggiore età, a prescindere dal conseguimento del titolo.

Il confronto tra governo e parti sociali è, però, ancora alle prime battute, per cui per una bozza definitiva di riforma pensionistica bisognerà attendere ancora.

Hai trovato interessante questo articolo? Continua a seguire il nostro blog e i nostri canali social YouTube, Facebook e LinkedIn per altri interessanti aggiornamenti!

Condividi sui Social
Prestiter Migliore Sempre

Ristrutturare casa, l’auto nuova, sistemare le finanze familiari, un matrimonio…
Prestiter è il tuo alleato nei momenti che più contano, con 20 anni di esperienza e la nostra capillare rete di consulenti esperti.

Crediamo fortemente nelle persone. E siamo specializzati nel rendere la tua vita sempre migliore!