Seleziona una pagina
  1. Home
  2. Blog
  3. Pensioni
  4. Adeguamento pensioni 2023, tutte le novità!

Adeguamento pensioni 2023, tutte le novità!

Dal 1 gennaio 2023 scatteranno gli incrementi tanto attesi per le pensioni pubbliche. Il nuovo meccanismo si baserà su sei fasce di riferimento e premierà le pensioni minime. Ma vediamo nel dettaglio tutte le novità in arrivo.

In relazione all’andamento dell’inflazione, l’adeguamento delle pensioni per il 2023 sarà del +7,3%. Una buona notizia, finalmente, per tutti quei pensionati che attendevano da tempo l’adeguamento dei cedolini al costo della vita e che quest’anno, segnato da un forte aumento dei prezzi, è arrivato.

Il governo ha, infatti, firmato il Decreto che ha disposto l’adeguamento pensionistico a partire dal 1 gennaio del prossimo anno, calcolato sulla base dei dati forniti dall’ISTAT il 3 novembre 2022.

Come anticipato in apertura, chi godrà degli aumenti più consistenti saranno i beneficiari di pensioni minime, che avranno un aumento di 46 euro netti sul cedolino, superando così la quota di 570 euro al mese.

Ma la rivalutazione delle pensioni si riferisce a tutti i trattamenti pensionistici erogati dalla previdenza pubblica, come:

  • le gestioni dei lavoratori autonomi
  • quelle sostitutive
  • quelle esonerative
  • quelle esclusive
  • le integrative e aggiuntive.
PRESTITI INPS
PER PENSIONATI E DIPENDENTI PUBBLICI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
02/03/2024 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più
Hai un codice promozione?
Hai un codice promozione?
Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l’informativa privacy
Prestiter Cessione del Quinto

Di quanto aumentano le pensioni?

L’aumento, però, non si applicherà allo stesso modo a tutte le pensioni ma dipenderà dall’importo del trattamento che il pensionato riceve. In particolare, è previsto che la rivalutazione sia applicata al:

  • 100% dell’inflazione, ovvero in misura piena, per le pensioni fino a 4 volte il trattamento minimo INPS, corrispondente nel 2022 a 525,38 euro;
  • 90% dell’inflazione per le pensioni comprese tra 4 e 5 volte il trattamento minimo;
  • 75 % dell’inflazione per le pensioni oltre 5 volte il trattamento minimo.

Il nuovo meccanismo su sei fasce di riferimento ripartirà, quindi, gli aumenti in questo modo:

  • per le pensioni fino a 4 volte il minimo, cioè circa 2.100 euro lordi mensili, si riconoscerà il 100%;
  • per le pensioni da 4 a 5 volte il minimo, cioè circa 2.625 euro lordi mensili, si riconoscerà l’80%;
  • per le pensioni da 5 a 6 volte il minimo, cioè circa 3.150 euro lordi mensili, si riconoscerà il 55%;
  • per le pensioni da 6 a 8 volte il minimo, cioè circa 4.200 euro lordi mensili, si riconoscerà il 50%;
  • per le pensioni da 8 a 10 volte il minimo, cioè circa 5.250 euro lordi mensili, si riconoscerà il 40%;
  • per le pensioni che superano 10 volte il minimo, cioè oltre i 5.251 euro lordi mensili, si riconoscerà il 35%.

L’adeguamento pensionistico, che viene calcolato sulla base della variazione percentuale negli indici dei prezzi al consumo forniti dall’ISTAT il 3 novembre 2022, tiene fuori dal calcolo il possibile aumento dell’inflazione per la restante parte dell’anno, ossia i mesi di novembre e dicembre 2022.

Per questa ragione, nel corso del 2023, potrebbe arrivare un’ulteriore rivalutazione a titolo di conguaglio sull’aumento residuale dell’inflazione degli ultimi due mesi del 2022.

Hai trovato interessante questo articolo? Continua a seguire il nostro blog e i nostri canali sociali Facebook, Linkedin e YouTube per altri importanti aggiornamenti.

Condividi sui Social
Prestiter Migliore Sempre

Ristrutturare casa, l’auto nuova, sistemare le finanze familiari, un matrimonio…
Prestiter è il tuo alleato nei momenti che più contano, con 20 anni di esperienza e la nostra capillare rete di consulenti esperti.

Crediamo fortemente nelle persone. E siamo specializzati nel rendere la tua vita sempre migliore!