Seleziona una pagina

Disoccupazione in Italia: facciamo il punto

10 Novembre 2016

Per il nostro Paese non è un grande momento per quanto riguarda l’occupazione. I dati elaborati dall’ISTAT in relazione al mese di settembre rivelano come, se da un lato aumenti leggermente la quota di coloro che sono riusciti a trovare un’occupazione, dall’altro anche l’esercito dei disoccupati sia tornato a crescere, oltrepassando la soglia dei 3 milioni di persone in cerca di lavoro.

La situazione più preoccupante in assoluto è però quella riguardante la disoccupazione di massa tra i giovani italiani, attestata su un drammatico 37%. Per capire meglio il dato, basterà ricordare come in Germania i ragazzi in cerca di occupazione siano appena il 6,8%. All’interno dell’Unione Europea, soltanto Grecia e Spagna sono messe peggio del nostro Paese, con dati che superano il 42%.

{loadposition in-post}

In pratica, a contribuire alla risalita del dato occupazionale sono soltanto (o quasi) i lavoratori sopra i 50 anni, mentre la fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni non riesce a entrare nel mondo del lavoro a differenza di quanto succede in Paesi più dinamici, che riescono a offrire prospettive occupazionali a chi abbia appena terminato gli studi. Una delle conseguenze di questo dato è la forte ripresa dell’emigrazione giovanile, fenomeno ormai noto come fuga dei cervelli, una realtà che l’Italia potrebbe pagare in maniera molto salata in futuro.

È invece in risalita il dato degli occupati, al 57,5%. Un miglioramento dovuto alla dinamica creata dal Jobs Act, con gli incentivi concessi alle aziende che assumono. Resta naturalmente da capire cosa succederà una volta esauriti gli incentivi fiscali, mentre da parte governativa si punta con speranza sui bonus a favore di chi decida di assumere studenti dopo i periodi di alternanza.

{loadposition in-post-2}

Allo stesso tempo va però ricordato che le statistiche in questione sono considerate parzialmente fuorvianti dai sindacati. Secondo le centrali sindacali, infatti, sarebbero le statistiche fornite da Eurostat a spiegare in maniera esauriente come nell’Unione sia ormai un vero esercito quello formato dalle persone che hanno smesso di cercare un lavoro in quanto scoraggiate, circa nove milioni di disoccupati cronici ormai scomparsi dai radar degli istituti statistici.

A questo numero andrebbe poi aggiunto quello formato da chi lavora ma soltanto part time, e vorrebbe invece poterlo fare a tempo pieno. Oltre nove milioni di persone, di cui più di 600mila nel nostro Paese, noti con il termine di sottoccupati.
Anche nel settore di coloro che hanno smesso di cercare lavoro, purtroppo, l’Italia vede dati che sono enormemente più alti rispetto al resto dell’UE, raggiungendo cifre intorno ai 3 milioni di disoccupati non ufficiali.

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook