Seleziona una pagina

Certificato di stipendio: cos’è, a cosa serve e a chi richiederlo

05 Luglio 2019

Quando ci rivolgiamo a una banca o a una finanziaria per ottenere un prestito con Cessione del Quinto è molto probabile che ci venga chiesto di presentare il certificato di stipendio. Ma cos’è questo documento? E a cosa serve? Scopriamo nei dettagli tutto quello che c’è da sapere richiederlo e utilizzarlo.

Cos’è il certificato di stipendio?

Come suggerisce anche il nome, il certificato di stipendio non è altro che un documento che attesta tutti i dati relativi alla posizione lavorativa e retributiva del richiedente.

Il modulo contiene informazioni dettagliate sul dipendente, in particolare:

  • Dati anagrafici
  • Retribuzione lorda e netta, sia annuale che mensile
  • TFR accumulato
  • Esistenza di eventuali trattenute sullo stipendio, legate ad esempio ad altri prestiti in corso

Sono inoltre riportati i dettagli relativi all’azienda per cui lavora, come:

  • Ragione sociale
  • Partita IVA
  • Sede legale
  • Capitale sociale
  • Numero di dipendenti

Certificato di stipendio: a cosa serve?

Il certificato di stipendio è un documento indispensabile per enti bancari e finanziari, perché consente di verificare rapidamente la fattibilità dell’operazione di prestito. Basta infatti una semplice occhiata al documento per controllare gli impegni finanziari già presenti e la tipologia di azienda presso la quale il dipendente lavora, l’anzianità di servizio ed eventuali provvedimenti attivi a carico del lavoratore, riducendo in questo modo le tempistiche di validazione del piano di finanziamento.

Il documento è prezioso soprattutto per chi richiede un prestito con Cessione del Quinto, una formula a tasso fisso sempre più apprezzata da lavoratori e pensionati. Infatti, per tutti i dipendenti del settore pubblico e privato, il certificato di stipendio accerta l’importo massimo della rata mensile, che non potrà mai superare un quinto del netto in busta paga (dunque il 20%). Il questo modo al cliente sono assicurate condizioni sempre alla sua portata, oltre alla comodità della trattenuta versata automaticamente dal datore di lavoro, che cancella all’origine il rischio di dimenticanze e insolvenze. Il certificato di stipendio è l’unica garanzia che serve per avviare la pratica di Cessione del Quinto, che non necessita di ipoteche o garanti ed è aperta anche a protestati e cattivi pagatori.

Come richiedere il certificato di stipendio

Ottenere una copia del proprio certificato di stipendio è semplicissimo, basta fare domanda al datore di lavoro, o al responsabile delle risorse umane. Bastano pochi giorni per ricevere il modulo, consegnato in duplice copia, che sarà valido per tre mesi a partire dalla data di rilascio.

Per richiedere un prestito con Cessione del Quinto basterà presentare il certificato, insieme ai documenti anagrafici (carta d’identità e codice fiscale), al CUD e alle ultime due buste paga.

Prestiter, storico partner Prestitalia S.p.A. del Gruppo UBI Banca, opera da oltre 20 anni nel settore creditizio ed è specializzata in finanziamenti con Cessione del Quinto. Vuoi conoscere tutte le possibilità di accesso al credito che ti offre il tuo stipendio? Fissa un appuntamento con un nostro consulente e scopri come realizzare i tuoi progetti!

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook