Seleziona una pagina

Digital Bonus, nuove agevolazioni in arrivo

01 Settembre 2021

La fibra ottica potrebbe rientrare tra le spese rimborsabili con il Superbonus 110%. E’ questa la nuova proposta di legge, soprannominata Digital Bonus, che dovrebbe valere come incentivo per rendere le infrastrutture pubbliche e private più ecosostenibili e resilienti. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Cos’è il Digital Bonus

Chiamata informalmente Digital Bonus, anche se non fa riferimento all’agevolazione per l’acquisto di computer o tablet, questa nuova misura di sostegno è stata pensata per aiutare le tecnologie digitali a diffondersi in maniera più capillare nel Paese.

Dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) arriva una forte spinta alla digitalizzazione di case, uffici e stabilimenti industriali e proprio per questo motivo il Digital Bonus potrebbe essere inserito tra gli interventi rimborsabili con il già collaudato Superbonus 110%.

PRESTITI ONLINE
PER PENSIONATI E DIPENDENTI PUBBLICI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
18/09/2021 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più

Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l'informativa privacy.

Prestiter Cessione del Quinto

Chi potrà beneficiare del Digital Bonus

Come specificato in un precedente articolo, le nuove categorie che potranno beneficiare del Superbonus 110%, e di conseguenza quando sarà legge anche del Digital Bonus, sono:

  • quelle che svolgono attività di prestazione di servizi socio-sanitari e assistenziali;
  • quelle in possesso di immobili rientranti nelle categorie catastali:
  1. B/1 (collegi e convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, conventi, seminari, caserme);
  2. B/2 (case di cura ed ospedali senza fine di lucro);
  3. D/4 (case di cura ed ospedali con fine di lucro).

In attesa che il Digital Bonus diventi realtà è utile ricordare quali saranno, ad ogni modo, le condizioni che porteranno ad esclusione:

  • gli abusi edilizi o difformità urbanistiche, condizioni che potrebbero essere riscontrate anche a lavori iniziati;
  • variazioni dei lavori in corso d’opera: nel caso in cui fosse necessario modificare qualche elemento sostanziale del progetto sarà necessario presentare una nuova comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA) che abbia per oggetto proprio la variazione, annullando il titolo precedente.

Vi invitiamo a continuare a seguire il nostro blog per restare sempre aggiornati sulle novità in ambito di economia e misure di sostegno.

Condividi sui Social