Seleziona una pagina

Addio Equitalia, nasce l’Agenzia delle Entrate-Riscossioni

07 Luglio 2017

Come annunciato dall’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi, a partire dal mese di luglio è stata sciolta Equitalia per far posto alla Agenzia delle Entrate-Riscossioni, un ente pubblico economico controllato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.
Il nuovo ente subentra nelle attività della vecchia gestione con continuità e a titolo universale. Vediamo quali sono le novità!

Sportelli virtuali e portale internet

Una delle novità più rilevanti riguarda la nascita dello sportello virtuale salva-fila: grazie ai codometri intelligenti l’utente potrà visualizzare la situazione delle attese e le fasce orarie disponibili e quindi scegliere il servizio all’orario e nella giornata desiderata, semplicemente avvicinando il proprio codice fiscale al dispositivo.

{loadposition in-post}

Il contribuente potrà inoltre collegarsi al sito dell’Agenzia direttamente con le sue credenziali, oppure accedere da smartphone scaricando l’app dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, così da controllare la sua posizione debitoria o accedere all’area delle domande frequenti.

Un’altra grande novità riguarda il pagamento di cartelle e avvisi, le richieste di riscossione e di rateizzazione di importi fino a 60mila euro: sarà possibile fare tutto online! Un notevole vantaggio per i contribuenti che non dovranno necessariamente recarsi allo sportello per visualizzare i documenti o per notificare la delega di un intermediario.

Inoltre attivando il servizio Alert SMS – Se Mi Scordo si riceverà un promemoria elettronico tramite SMS relativo alle scadenze dei pagamenti.

{loadposition in-post-2}

Libero accesso alle banche dati

Il libero accesso alle banche dati da parte dell’Anagrafe tributaria e dell’INPS è molto discusso e sarà regolato mediante convenzione, per non inficiare la norma sul trattamento dei dati personali.

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione potrà verificare direttamente le giacenze su diversi conti correnti, anche presso altri operatori finanziari quando il contribuente risulta plurintestatario. Il pignoramento avverrà dal conto su cui risulta disponibile la somma necessaria ad onorare il debito.

In passato Equitalia non poteva accedere ai conti correnti e per questo bloccava indiscriminatamente tutti i conti del contribuente fino a quando non riceveva informazioni dalle banche circa le giacenze, al fine di pignorare un solo conto e svincolare gli altri. La carenza di liquidità generata da questo sistema ora è superata dalla possibilità che il nuovo ente ha di accedere a tutti i rapporti finanziari, bloccando un solo conto. Meglio o peggio rispetto al passato? Una cosa è certa: il malumore di chi dovesse trovarsi un conto bloccato!

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook