1. Home
  2. Blog
  3. Curiosità
  4. Recupero crediti: quando diventa un reato sanzionabile

Recupero crediti: quando diventa un reato sanzionabile

Il recupero crediti è un’attività legittima che mira a ottenere il pagamento di una somma di denaro da parte del debitore, secondo i termini dell’accordo iniziale. Ma esiste una linea sottile tra l’insistenza legittima e l’invasività illegale. Ecco, allora, come riconoscere i comportamenti che diventano eccessivamente invasivi e passibili di denuncia.

PRESTITI ONLINE
PER PENSIONATI E DIPENDENTI PUBBLICI
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
12/04/2024 – Servizio Prestiti Attivo: Leggi di più
Hai un codice promozione?
Hai un codice promozione?
Inviando la richiesta dichiaro di avere letto l’informativa privacy
Prestiter Cessione del Quinto

La Corte di Cassazione ribadisce che, come  previsto dall’articolo 660 del Codice penale, l’eccesso di telefonate o atteggiamenti verbalmente aggressivi e intimidatori possono configurarsi come reato di molestie, anche se l’intento è lecito.

Questa decisione è stata presa a seguito di un caso in cui gli operatori di un’agenzia di recupero crediti effettuavano fino a 6 chiamate al giorno nei confronti di un debitore e dei suoi parenti per riscuotere la somma dovuta, utilizzando numeri diversi per non essere riconosciuti.

Un’azione di recupero crediti, di fatto, può diventare illecita quando diventa troppo insistente e questo si verifica, ad esempio, quando:

  • il debitore viene inondato con una sequenza incessante di telefonate, come nel caso sopra citato;
  • oppure quando l’approccio nei confronti del debitore diventa minaccioso e violento.

Di fatto, la legge definisce come reato tutti i comportamenti che:

  • generano ansia o paura intensa nella vittima
  • costringono a cambiare le abitudini di vita.

In questi casi, il molestatore rischia:

  • un’ammenda, fino a 516 euro
  • oppure la reclusione, da 6 mesi a 5 anni.

È importante ricordare che le agenzie di recupero crediti devono necessariamente rispettare un codice etico e proprio per questa ragione l’Unione Nazionale Imprese a Tutela del Credito (Unirec) vincola i suoi membri a rispettare un codice deontologico, che proibisce pressioni eccessive o comportamenti vessatori.

Nel settore del credito al consumo, anche i consulenti sono tenuti a rispettare precise regole deontologiche professionali. Ne parliamo in maniera approfondita in questo video sul canale YouTube di Prestiter.

In sintesi

In conclusione, ricordiamo che:

  • il processo di recupero crediti è un’attività che deve essere svolta nel pieno rispetto della legge e dei diritti delle persone coinvolte
  • un comportamento che supera i limiti dell’azione legittima può esporre il creditore a conseguenze penali
  • il rispetto della sfera privata altrui è di primaria importanza, anche nel processo di recupero crediti.

Per continuare a ricevere informazioni sul mondo del credito, e non solo, iscriviti al canale YouTube di Prestiter!

Condividi sui Social
Prestiter Migliore Sempre

Ristrutturare casa, l’auto nuova, sistemare le finanze familiari, un matrimonio…
Prestiter è il tuo alleato nei momenti che più contano, con 20 anni di esperienza e la nostra capillare rete di consulenti esperti.

Crediamo fortemente nelle persone. E siamo specializzati nel rendere la tua vita sempre migliore!