Seleziona una pagina

Le vacanze fanno bene alla salute: l’importanza di ferie di qualità

20 Luglio 2017

Estate… tempo di vacanze! Ognuno di noi guarda con impazienza l’avvicinarsi delle tanto agognate ferie, che siano di puro relax o di divertimento sfrenato, che siano in città o in una località esclusiva, rappresentano nell’immaginario collettivo il modo migliore per ricaricare le batterie e affrontare al meglio i mesi di lavoro.

Per chi ha già prenotato o sta progettando il prossimo viaggio ecco dei semplici consigli per programmare ferie di qualità!

Forse non tutti sanno che le ferie sono un vero e proprio toccasana per il benessere fisico oltre che psicologico! Chi ha l’abitudine di andare in ferie è meno soggetto a patologie di vario genere come, ad esempio, gli attacchi cardiaci. Al contrario, i lavoratori che non vanno mai in vacanza sono più inclini a soffrire di esaurimenti nervosi e depressioni. Senza contare le conseguenze che potrebbero ricadere sulla famiglia e, più in generale, sui rapporti interpersonali.

La soluzione migliore allora è organizzare periodicamente una vacanza che permetta di staccare dalla routine e sentirsi finalmente liberi di riposarsi e rilassarsi.

{loadposition in-post}

Fare una vacanza significa riprendere il controllo della propria vita. L’ideale sarebbe concedersi una settimana o una decina di giorni di ferie 3-4 volte durante l’intero anno invece di consumarle tutte nello stesso periodo. Brevi ma periodiche interruzioni dalla propria attività avranno un benefico effetto sulla concentrazione e sul rendimento professionale.

La location riveste un ruolo fondamentale al fine di eliminare le tensioni e lo stress quotidiano. Mare, montagna, campagna o città: la cosa fondamentale è selezionare il posto giusto e mettere da parte per un po’ tutti gli impegni in modo da dedicarsi solo ed esclusivamente alla propria salute fisica e mentale.

Inoltre, per delle ferie di qualità la cosa migliore sarebbe programmare un passaggio graduale verso il dolce far niente. Infatti, passare da momenti di forte stress al relax più totale per poi tornare alla quotidianità dell’ufficio potrebbe risultare addirittura controproducente. Meglio tenere la mente impegnata anche in vacanza, seppur con passatempi rilassanti come un buon libro, così da evitare un passaggio troppo brutale tra iperattività e relax.

Ecco quindi i tre aspetti chiave: frequenza, location adatta e passatempi. In questo modo le vacanze saranno davvero la soluzione ideale per vivere bene con sé stessi e con gli altri e per essere più produttivi nella vita privata e sul lavoro.

{loadposition in-post-2}

Condividi sui Social

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook