Allergia in casa? 5 consigli per tenerla a bada

13 Giugno 2016

Starnuti, occhi arrossati, vie respiratorie irritate: in molti conoscono i fastidiosi sintomi delle allergie stagionali.

Anche gli ambienti domestici, se non sottoposti alle giuste pulizie, potrebbero rappresentare una minaccia per chi soffre di questi disturbi. Fortunatamente, però, basta qualche accorgimento per ridurre in maniera significativa i rischi di allergia in casa, anche durante la stagione dei pollini.

Ecco come fare!

1. Tappeti e suppellettili

Tappeti, divani e altre suppellettili decorano le nostre case e le rendono calde e accoglienti, ma potrebbero essere anche l’habitat ideale per i fastidiosi acari della polvere. Chi incorre cronicamente nei sintomi delle allergie dovrebbe evitare l’accumulo di questo genere di complementi d’arredo, preferendo spazi più facilmente lavabili e igienizzabili.

La soluzione ideale sono i pavimenti in parquet o piastrellati, semplici da pulire ogni giorno, e i divani con fodere lavabili in lavatrice.

Se invece non si vuole rinunciare al morbido piacere di un bel tappeto o dei tendaggi pesanti, meglio munire il proprio aspirapolvere degli appositi filtri anti-acaro o utilizzare un pulitore a vapore, che igienizza con semplicità anche le superfici più insidiose.

{loadposition in-post}

2. Umidificare e deumidificare

Chi soffre di allergie lo sa: l’umidità eccessiva e gli ambienti troppo secchi sono entrambi dei piccoli pericoli per il benessere. Un ambiente eccessivamente deumidificato, infatti, potrebbe agevolare il movimento della polvere. Viceversa, invece, troppa umidità crea l’ambiente perfetto per la proliferazione di muffe e batteri. Meglio controllare sempre che il tasso di umidità in casa sia quello ottimale.

3. Aria sempre fresca

Gli impianti di areazione o di riscaldamento della casa sono indispensabili alla regolazione della temperatura negli ambienti domestici. Affinché non si trasformino nel veicolo per polvere e microrganismi, spesso causa di allergie, è però necessario non dimenticarsi mai della loro manutenzione.

Cambia regolarmente i filtri ed effettua un’accurata pulizia degli impianti almeno due volte l’anno, per assicurarti sempre di respirare aria pulita e salutare.

{loadposition in-post-2}

4. Attenzione al frigorifero

Frutta, verdura, formaggi e altri alimenti facilmente deperibili: il nostro frigorifero è un insospettabile ricettacolo di batteri. Per proteggere il proprio benessere è necessario sottoporre il frigorifero a pulizie periodiche, eliminando i cibi alterati ed eventuali muffe.

Puoi anche servirti del naturale potere disinfettante dell’aceto bianco: diluiscilo con acqua e utilizzalo per pulire e profumare pareti e ripiani.

5. Un bagno senza muffe

Acqua e vapori possono creare muffe soprattutto in uno degli ambienti più utilizzati della casa: il bagno. Fai attenzione ai posti in cui l’acqua si accumula, come gli angoli della vasca, la tenda della doccia, la vaschetta dello scarico e le fughe delle piastrelle. Disinfetta periodicamente queste zone per evitare la proliferazione di batteri e muffe e rendere il tuo bagno un ambiente a prova di allergie.

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook