Italiani e luoghi comuni: realtà o esagerazione?

23 Giugno 2017

Agli occhi del mondo gli italiani hanno una forte immagine, a volte positiva e altre volte – ahinoi – meno lusinghiera.  
Ma quanto corrispondono al vero gli stereotipi sugli italiani? E soprattutto, sono dei difetti o dei pregi?

Pasta, pizza e mandolino

All’estero l’immagine dell’Italia è legata indissolubilmente al buon cibo. Che il binomio tra italiani e cibo sia sacro è praticamente innegabile, così come lo è la codifica di regole ben precise.
Insomma, siamo puntigliosi. Ma è innegabile che sul pesce non vada il parmigiano o che la pizza non debba essere condita con frutti tropicali. Come dire sul cibo è meglio fidarsi degli italiani, che forse qualcosina ne sanno.

{loadposition in-post-2}

l’Italia e la moda

Un altro stereotipo riguarda il particolare gusto per la moda degli italiani. Forse perché da secoli lo stile italiano è sempre stato inconfondibile, sinonimo di eleganza, classe, sartorialità e qualità. E in effetti, anche senza utilizzare capi costosissimi, gli italiani riescono ad abbinare colori e modelli senza creare outfit che sembrano realizzati buttandosi a caso nell’armadio.

Il linguaggio degli italiani

L’abitudine di gesticolare è sicuramente una delle caratteristiche più notate dagli stranieri. In realtà si tratta di una sorta di linguaggio rafforzativo o compensativo che permette di sottolineare i passaggi importanti dei nostri discorsi.
Strettamente correlato è lo stereotipo dell’italiano che alza la voce mentre parla. Anche in questo caso si tratta di una peculiarità parecchio diffusa nella nostra penisola, ritenuta utile per comunicare meglio le proprie idee. C’è da dire però che russi e cinesi urlano più degli italiani, con una differenza: la voce degli italiani è dotata di una certa musicalità che la rende piacevole e riconoscibile tra migliaia. Insomma, uno stereotipo vero che ci rende riconoscibili, ma non necessariamente negativo.

Fumantini o spontanei?

Gli stereotipi sulle caratteristiche caratteriali degli italiani non finiscono qui. Infatti viene spesso sottolineato il carattere sanguigno e fumantino. Anche in questo caso molto probabilmente gli stranieri non hanno torto: chi viene dal Bel Paese è impulsivo e suscettibile, pronto a prendere di petto ogni situazione. Questa caratteristica può essere considerata negativa se collegata alla incapacità di pensare prima di parlare. Diventa positiva se interpretata nel senso che gli italiani sono molto spontanei.

{loadposition in-post}

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

Seguici su Facebook